The Walking Dead [HD]

2010 - 44 min
Il vice-sceriffo Rick Grimes (Andrew Lincoln) va in coma a seguito di una grave ferita ricevuta durante un’azione. Tempo dopo si risveglierà, solo, in un ospedale distrutto, pieno di cadaveri ma apparentemente deserto e scoprirà che il mondo che conosceva non esiste più. I morti si risvegliano ...

Cast
Norman Reedus
Melissa McBride
Lauren Cohan
Christian Serratos
Josh McDermitt
Seth Gilliam
Ross Marquand
Khary Payton
Cooper Andrews
Callan McAuliffe
Jeffrey Dean Morgan
Data di pubblicazione
14 Febbraio 2010

Genere IMDB

Distribuzione
Paese di produzione
USA

Lingua originale
English

Regia
N/A
Trama
The Walking Dead [HD], Il vice-sceriffo Rick Grimes (Andrew Lincoln) va in coma a seguito di una grave ferita ricevuta durante un’azione. Tempo dopo si risveglierà, solo, in un ospedale distrutto, pieno di cadaveri ma apparentemente deserto e scoprirà che il mondo che conosceva non esiste più. I morti si risvegliano e attaccano i vivi e, mentre le file dei morti viventi s’ingrossano, quelle dei vivi si assottigliano giorno dopo giorno. Lasciato l’ospedale Rick inizia la ricerca della propria famiglia per ritrovarla, insieme ad altre persone, in un accampamento vicino ad Atlanta. Insieme a questo gruppo di sopravvissuti parte alla ricerca di un posto, e un motivo, per continuare a vivere in un mondo che non riconoscono più. La serie televisiva The Walking Dead è basata sulla serie a fumetti omonima creata da Robert Kirkman (scrittore) e Tony Moore (disegnatore dei primi episodi, poi sostituito da Charlie Adlard) e pubblicata in USA da Image e in Italia da Saldapress. L’idea di trarre un serial televisivo dal fumetto è del noto regista Frank Darabont (Il miglio verde, The Mist, Le ali della libertà, The Majestic) il cui solo coinvolgimento è bastato perché AMC – il canale via cavo che, dal 2010, propone la serie in USA - ordinasse una prima stagione di sei episodi, ben prima che si iniziasse a girare il pilota andato in onda il 31 ottobre 2010. La scelta vincente della serie è l’aver mantenuto le linee guide del fumetto, rispettandone la solidità della trama e la costruzione dei personaggi, portando comunque molte variazioni come il cambiamento della tempistica con cui avvengono situazioni chiave della trama o l’inserimento di nuovi archi narrativi o nuovi personaggi assenti nell’opera originale. In questo modo la AMC si è assicurata l’attenzione sia del pubblico amante del fumetto sia di quelli che ne ignoravano l’esistenza. La serie alterna momenti lenti ad altri concitati e punta sullo spiazzare lo spettatore con improvvisi scoppi di violenza, che non si risparmiano in crudeltà, e non offrendo appigli allo spettatore sacrificando personaggi abilmente costruiti per mesi (se non anni) e lasciando i sopravvissuti (spettatori compresi) a elaborare il lutto. Nessun personaggio è al sicuro in The Walking Dead, neanche Rick, e l’ambientazione e la trama del serial (e del fumetto) giocano su questo fatto utilizzando trucchi narrativi come il cliffhanger, cioè un finale di episodio o stagione che lascia i protagonisti in una situazione di pericolo senza svelarne la risoluzione, assicurandosi il ritorno del pubblico per l’episodio, o la stagione, successiva. Ovviamente, proprio per i motivi descritti, The Walking Dead è una serie che può essere apprezzata appieno solo se guardata in modo continuo.
Trailer